Blog di viaggio di Andrea. Spero che questo blog mi aiuti a viaggiare!

Blog di viaggio di Andrea. Spero che questo blog mi aiuti a viaggiare!

SCARICA DIARREA COSA MANGIARE

Posted on Author Kigacage Posted in Ufficio


    Contents
  1. Dissenteria: i rimedi per fermarla subito
  2. Come modificare l’alimentazione quando si manifestano gli attacchi:
  3. Mal di pancia e diarrea: rimedi e cosa mangiare
  4. Diarrea rimedi naturali per combatterla

Diarrea: che cosa mangiare e che cosa evitare di diarrea accompagnata dalla produzione di muco e sangue, con scariche diarroiche spesso dolorose e non. diarrea formaggio, colite sintomi dolore fianco sinistro, cosa mangiare dopo un virus Questo disturbo provoca spesso più scariche diarroiche nell'arco della. Rimedi per la Diarrea: cosa fare e cosa non fare, cosa mangiare, che farmaci assumere, come prevenire la Diarrea, come curarla. cosa mangiare durante o dopo gli episodi di dissenteria e/o nausea; con le numerose scariche, ma non sempre è chiaro cosa mangiare;.

Nome: diarrea cosa mangiare
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 25.67 MB

La dissenteria è una patologia infettiva gastrointestinale che si caratterizza per le frequenti scariche diarroiche, tanto che nel gergo comune dissenteria e diarrea sono diventati sinonimi. Nel primo caso parliamo di dissenteria batterica, la forma più comune e presente nei climi moderati, provocata da bacilli della famiglia Shigella che in genere entrano nell'organismo per contatto diretto o ingestione ad esempio attraverso l'acqua , considerando che trasportare i germi è molto facile anche per le persone sane.

Naturalmente la dissenteria è un'infezione epidemica che si riscontra in particolar modo laddove l'igiene sia precaria e le condizioni di salute generali non ottimali le persone denutrite , ad esempio, si ammalano più facilmente perché il loro sistema immunitario è più lasso , ma le epidemie possono scoppiare tranquillamente anche nelle scuole frequentate dai bambini sotto i 10 anni, che sono più vulnerabili degli adulti agli attacchi patogeni.

Vediamo i sintomi principali della dissenteria batterica la più comune in Europa occidentale che insorgono dopo un'incubazione di una settimana al massimo:.

La terapia per curare la dissenteria batterica consiste nella somministrazione di fluidi , in una alimentazione corretta, che a breve vedremo, e nell'assunzione di antibiotici per spegnere l'infezione.

Dissenteria: i rimedi per fermarla subito

Il succo di limone è uno dei migliori alleati contro la diarrea , in quanto fornisce una potente azione disinfettante. In entrambi i casi, basterà acquistare, o raccogliere personalmente, fiori e bacche delle due piante, farle essiccare se fresche, e lasciarle in infusione per almeno 10 minuti in acqua bollente. Assumere il giusto tipo di frutta è un altro valido aiuto contro la diarrea. Sono, infatti, molti i frutti da poter mangiare ma, è importante scegliere solo frutta fresca di stagione per svariati motivi.

Al contrario, sono invece da evitare frutta come avocado, cachi, cocco, datteri, fragole, fichi, frutta secca, lamponi, mandorle, more, nocciole, noci, pinoli, pere, prugne, ribes e uva, eccessivamente ricchi di zuccheri o grassi. Un valido aiuto contro la diarrea viene anche dal decotto di corteccia di quercia , per le sue ottime proprietà astringenti. Pare che anche gli oli essenziali possano aiutare a combattere la diarrea, sia di natura cronica che acuta. Lo zenzero è una pianta erbacea di origine orientale molto utilizzata in cucina, ma anche ottima come rimedio per la salute intestinale.

Le proprietà benefiche dello zenzero aiutano infatti a calmare le scariche di diarrea e a prevenire la formazione di gas e di gonfiori. Questa pianta antica fa parte delle leguminose, e tra le sue innumerevoli proprietà possiede quella antinfiammatoria e riequilibrante della flora batterica intestinale.

Come modificare l’alimentazione quando si manifestano gli attacchi:

La mattina farli bollire per almeno 15 minuti, lasciar raffreddare e infine bere. Si possono trovare sotto forma di compresse, tintura madre, succhi e capsule. Generalmente, si assume sotto forma di tisana o tintura madre, acquistabile in erboristeria. Pagina iniziale. Pixabay derneuemann. Riso, carote, patate e zucchine. Metodo 2. Prendi dei farmaci antidiarroici da banco. Si tratta di medicinali che rivestono le pareti dell'intestino e del colon assorbendo l'acqua, in modo da rendere le feci meno liquide.

Segui le indicazioni riportate sul bugiardino.

Mal di pancia e diarrea: rimedi e cosa mangiare

Se vuoi ottenere il massimo effetto dalla cura a cui ti stai sottoponendo, prendi le due tipologie di farmaci separatamente a distanza di tempo. Prendi un farmaco in libera vendita a base di composti del bismuto. Questi elementi, presenti nei normali prodotti come Pepto-Bismol, sono conosciuti per le loro proprietà antibiotiche che neutralizzano i batteri responsabili della diarrea, anche se il loro meccanismo d'azione è tuttora ancora poco chiaro.

I composti del bismuto sono efficaci solo per coloro che soffrono della diarrea del viaggiatore o per chi è colpito dall'infezione da H. Prendi dei farmaci contro la motilità intestinale.

Questi rallentano i movimenti intestinali e del colon, in modo da rilassare gli organi addominali e lasciare loro più tempo per assorbire l'acqua, solidificando di conseguenza le feci.

I farmaci più diffusi contro la motilità intestinale sono la loperamide e il difenossilato. Puoi trovare la loperamide in farmacia, senza bisogno di prescrizione medica, disponibile in vari formati come l'Imodium. Se la diarrea è causata da un'infezione batterica come nel caso di E. Vai dal medico per farti prescrivere gli antibiotici. Se i farmaci che stai prendendo, in combinazione a una dieta di cibi leggeri e all'assunzione di molta acqua, non migliorano la tua condizione entro 72 ore, devi recarti dal medico.

Il dottore potrebbe prescriverti un antibiotico in grado di curare la diarrea provocata da un batterio o un parassita. Ricorda che questi farmaci non curano la diarrea virale. È di estrema importanza farsi visitare dal medico, se i trattamenti da banco non si dimostrano efficaci, perché questi medicinali possono aggravare la dissenteria causata da infezioni batteriche o parassitarie. Il medico potrà prescriverti il giusto antibiotico per i tuoi sintomi, una volta individuato il batterio responsabile attraverso una coltura delle feci.

Metodo 3. Recati dal medico. Se la diarrea è causata da determinati tipi di infezione, i rimedi naturali a base di erbe possono in effetti aggravare la situazione invece di alleviare i sintomi. Rivolgiti al medico prima di optare per questo genere di terapia. Assumi i probiotici. I batteri vivi presenti nei probiotici incrementano la concentrazione dei batteri "buoni" nell'intestino, che spesso vengono persi durante gli attacchi di diarrea.

Grazie alla reintroduzione di batteri benefici, il tratto digestivo è in grado di riprendere più velocemente le normali funzioni.

Diarrea rimedi naturali per combatterla

I probiotici sono disponibili sotto forma di integratori, ma li trovi anche in molte marche di yogurt specificamente etichettati come probiotici.

Bevi la camomilla. È un rimedio usato da sempre per trattare le infiammazioni, compresa quella nel tratto gastrointestinale.

Bevine fino a tre tazze al giorno, sorseggiandola in piccole quantità, in modo da aiutare il tuo corpo ad assorbire meglio il liquido. Prova i semi di psillio. Si tratta di una fibra solubile cioè in grado di assorbire l'acqua che permette la formazione di feci più solide nei soggetti affetti da un attacco di diarrea.

Assicurati di berla sempre con un grande bicchiere d'acqua.

Se soffri di malattie infiammatorie croniche intestinali, chiedi il parere del medico prima di fare affidamento su questo trattamento. Prova gli integratori di radice di altea. Questa pianta viene tradizionalmente usata come rimedio antiflogistico. Segui le istruzioni riportate sulla confezione per quanto riguarda la posologia.

Puoi preparare un'infusione fredda, proprio come se fosse una tisana, lasciando in ammollo due cucchiaini di questa erba in un litro d'acqua per tutta la notte.

Filtra il liquido prima di berlo. La radice di altea potrebbe interferire con i meccanismi di azione di alcune medicine, come il litio, quindi consulta il tuo medico prima di assumerla. Bevi un preparato con polvere di olmo rosso. Si tratta di un rimedio tradizionale per lenire i disturbi infiammatori gastrointestinali.

Rispetta sempre le indicazioni del produttore per quanto riguarda il dosaggio. Metti in infusione 4 g di olmo rosso in polvere in ml di acqua bollente e attendi da tre a cinque minuti.

Puoi bere questa tisana fino a tre volte al giorno durante un episodio di diarrea. Alcuni erboristi ritengono che l'olmo rosso abbia proprietà abortive.

Se sei incinta o stai allattando al seno, chiedi prima consiglio al tuo ginecologo. Fai un tentativo con l'aceto di mele. Si ritiene che abbia proprietà antibatteriche. Per usarlo contro la dissenteria, mescolane due cucchiaini in ml di acqua calda. Puoi bere questa miscela diverse volte al giorno. Se stai prendendo anche dei probiotici, aspetta diverse ore prima di bere l'aceto di mele. Per esempio, si ritiene che lo yogurt sia ricco di batteri buoni e, in genere, viene considerato un buon alimento nei casi di diarrea.

In questo caso, dopo avere bevuto l'aceto di mele, attendi una o due ore prima di mangiare lo yogurt. Prova delle erbe dalle proprietà astringenti. Si ritiene che siano efficaci perché asciugano il rivestimento mucoso dell'intestino riducendo di conseguenza la quantità di feci liquide.


Ultimi articoli