Blog di viaggio di Andrea. Spero che questo blog mi aiuti a viaggiare!

Blog di viaggio di Andrea. Spero che questo blog mi aiuti a viaggiare!

LU BOTTU SCARICARE

Posted on Author Kazigore Posted in Multimedia


    scarica lu bottu (gioco degli anni 60). November 18, at AM. II gioco è prettamente maschile e si svolge all'aperto. Si formano due squadre di ugual. "Quattru e quattrotto scarica lu bottu, aceddu ncu li pinni scarica e vattinni unu dui e tri unu dui e tri unu dui e tri". gioco che durava il tempo del ritornello (vedi filmato) che recitava così: “ 4 e 4 ottu, scarica lu bottu, l'aceddu cu li pinni, Scarrica e vattinnni”!. aveva anche il compito di recitare a squarciagola una filastrocca -Quattru e quattr'ottu e scarica lu bottu, acieddu cu li pinni scarica e vattinni- per poi effettuare.

    Nome: lu bottu
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
    Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
    Dimensione del file: 35.38 Megabytes

    Ecco un gioco di società da sempre passatempo dei bambini trapanesi. Il numero di partecipanti non è importante. Da quattro in poi va bene. Si formano due squadre, ciascuna con un capitano. Il gioco, semplice e divertente, è conosciutissimo in tutta Italia e in tutto il mondo coi nomi più disparati. Stai commentando usando il tuo account WordPress. Stai commentando usando il tuo account Google.

    La monaca turnau. Nesci, crapa! Idda arristau filici e cuntenti, E nui ccà chi nni munnamu li denti. La Gatta e lu Surci. Vattinni, ca 'un ti vuogghiu. Ma iddu 'un iju accussi, ca la pignata vugghia, e lu surci arristau ddà dintra. Vinni la gattaredda , e si misi a chianciri ; ma lu sur- ciddu nun cumparia. Pigghia la gatta, e cala la pasta pi manciari. La funtana cci spijau: — ce Aceddu, comu si' accussi spinnatu?

    Nicola, comu ti dici la Missa cu lu culu di fuora? Nicola, mi dicu la Missa cu lu culu di fuora. Riggina, e comu cerni farina? Nicola , si dissi la Missa cu lu culu di fuora; e jeu comu Riggina vaju a cernu la farina.

    La valenti pigghia un lignu e si scaddozza li denti. Lu sagristanu si jetta di lu campanaru. E li zappunara levanu la testa a cu' veni veni. Una versione greca di Martano Terra d'Otranto è in Morosi,. Lu nasu di lu Sagristanu. Si riccunta e cc'era 'na vota e cc'era un sagristaneddu, chi ogni matina scupava la Chiesa. Ajeri lu gaddu pinsau di beni di ancugnari a lu tinidduzzu di lu porcu chi si stava mangiannu la canigghia, e 'nta 'na vu- tata d'occhi, gnàu!

    Vedi al voi I, pag. Gei la misi 'ntr'ón saccu e Mastra Jseppi , senza sapiri né leggili né scriviri , si la jittau supra li spaddi e si nni iju pi fatti soi. Sta picciotta si la putia purtari a la Chiesa? Arrivatu a la marina, asciogghi lu saccu e comu va pi àprilii, la cani s'abbenta fariusa e jetta cu un gran muzzicuni 'ntra lu nasu.

    In Palermo non si usa a questo proposilo la voce patri. Iddu tuttu cuntenti si pigghia lu carrettu; si nni va nni lu carvunaru, lu carvunaru cci duna lu carvuni, lu car- vuni lu purtau nni lu firraru, lu firraru cci duna lu zap- puni, lu zappuni lu purtau nni lu lignaloru, lu lignaloru cci duna li ligna , li ligna li purtau nni lu furnaru , lu furnaru cci duna la pani , lu pani lu purtau a la cani , la cani cci detti lu pilu, lu pilu lu misi 'ntr'ó nasiddu, e cci sanau lu purtusiddu.

    Salentina, , in 4. Leg- gende, n. Ili: Trianniscia lascia una cesta a un cantiniere; gliela rubano, e il cantiniere per farlo tacere, che gridava, gli dà ducati.

    Preso i! VI; nel Topin delle Novelle pop. Li vecchi. Si riccunta e si riccunta ca 'na vota cc'era un vecchia e 'na vecchia. Frijeru lu toccu di la sosizza; raan- ciaru. Accabbata di manciari, chi ficinu? Pàssanu tanti e tanti surdati. XVI : La novella del sig. Ma la goffaggine popolare, le goffe invenzioni della fan- tasia popolare, importano anch'esse allo studioso, alla demopsicologia. Leggasi pure: Montel e Lambert, Contes populaires, n. Vedi Reviie des Langues romanes pubhliée par la Socièté polir V ètude des langues ro- manes; t.

    Coculidda Co- culidda, scupa la casa. Si accattu sanàri di mènnuli, la mènnula mi scorcia; s'accattu sanàri di nuci, mi scorcia. La narratrice accompagnava questa parola con un gesto che segna suirindice della sinistra, un lantineUo. Ma el gessumin! Uno degli uditori dirà naturalmente. La travatura. E dui. E tri Una novellina simile è nel Novellino, n. Lu 'nniminu. Jùncinu a 'na chianura , e vidinu 'na casa senza tettu e senza mura, e cc'era 'na bella don- na, chi nun l'abitava ne notti né jornu.

    E si tengono forte alla spalla tre carniere e tre bei sacchi: Ire senza nodi e senza lacci, e tre sfondati. Jiti a ddabanna la terra, ca cc'è un cavaddazzu mortu di cinquanta jorna : nni pigghiàti un pezzu : pista, catapi- sta, cci Puntati 'nlra la sola di lu pedi, e di bottu lu du- luri cedi!

    Eccola : 'Na vota cc'eranu tri frati Ili senza funnu. Lu Re-befè. Curri un vavusu-tignusu-viscotta-e-minnusu: afferra Paceddu-be- ceddu-viscotta-e-minneddu. Lu cuntu di lu varveri. Bor getto. E 'na vota ce' era un baggiu. Ecco altri scherzi per far star buoni i bambini. Stu re, sta papa e stu nanu Palerm o. Statte citt', ce rno' te l'accont'. In Napoli, del pari: 'Nce stava 'na vota, 'Nu viecchio e 'na vecchia 'Ncopp' a 'nu monte Statte zitte, ca mo' te lu conto.

    In Milano similmente: Ona volta gh'era on omm Após al domm, Cont el gerllett in spalla Vili, e nota 3. Che mai no se destriga: Volè che ve la diga? Vedi G.

    La moglie, saputo del lascito, si dispera: maestro Cecco, calzolaio che abitava al pianterreno del palaz- zo del principe, la conforta e consiglia, e prima che si sparga la nuova della morte del marito suo, si fa sostituire nel Ietto cogli abiti principeschi.

    Chiamato il notaio, divide i beni tutti in due parti, l'una, la migliore, per sé, l'altra per la princi- pessa. È la VI delle rarissinie Novelle di M. Si ni iju un siryituri, e iddu nni pigghiau n' àutru. Si chia- ma V arripusanti. Si chiamanu li 'mpidugghianti. Si ni iju 'ntra la cucina; c'era la gatta supra lu fucularu. Chista, gatta si cliiama? Si chiama allegra- populu. Si chiama vesti-populu.

    E poi nni maritammu nuiàutri dui. Scinniti di l'arripusanti, mittitivi li zucculanti , dati a cura pi li 'mpidugghianti!

    Lu gattu si tirau lu mèc- ciu di la cannila, si ni iju 'mmeozu lu linu, e si nun curriti pri Tacqua, si perdiau tutti li sustanzi. E accussi fi- nisci lu cuntu di Tippiti nnàppiti. Una versione siciliana è in Pitrè, Otto fiabe e novelle, n. VII : Lu rnastru scarparu fdosufu. Le parole del servo nel! La stessa novella è nelle Tredici piacev. IX, fav. Un affettuoso art colo necrologico del sig.

    Vincenzo Gialongo mi apprende oggi stesso 21 marzo , mentre io correggo queste stampe, essere il bravo Mnrolla morto in Poli zzi il 15 febbraio. Sia pace alla sua bell'anima! Il giovane risponde bene; ma Pa- piro gli dà dell'asino e lo corregge dicendo che le voci latine corrispondenti sono ripossarium , saltagraffa , carniscoculum , ahondantia, suhstantia.

    Li quattru minchiuna. Li tri minchiuna di Palermu. Eu su- gnu lu cchiù minchiuni, e la cappottu tocca a mia. Eu, sutta la botta chi me mairi nisciu, vaju pi lu panàru; ac- cumenzu a manciarimi ddi ficu. Pi mala fortuna mia veni me matri chi si scurdau la curuna K Chi mi truvava eu? A cu' va a'ddumanna pi sta curuna me matri? Jamu a lu secunnu. E pi la me minchiunanza ristai senza né zita né occhiu. Quello sbruffo continuo di acqua mi cadeva sempre suU'occhio, e me lo fece schizzar fuori, e n e lo ridusse una cosa da far pietà..

    Quannu vui mi faciti vèniri ssi stivaletti, quantu vuliti vi dugnu. Eu pi Pamuri di la me zita mi fici tagghiari mezzu pedi, e la scarpa mi vinni. Ma cu ssa scusa cci appizzai lu pedi e puru la zita, ca nun mi vosi cchiù.

    La terza pri nun si chiù- diri la porta nni li gran timpurali arristau morta di lu friddu. La stessa novella nostra trovasi nelle Tredici piac. Notti dello Straparola, not. Vili, fav. Un gen- tilhuomo pronuncia dover esser di colui che farà k più pol- tronesca prodezza, e la causa rimane indiscussa.

    Cu' cci aveva a rispunniri, ca era paggbia? Gli stessi bùrgiura ho visti in Trapar' pel saie fatto nelle Saline. È una satira contro i Palermitani, i quali secondo questa novellina non saprebbero distinguere una casa modesta da un monte di paglia.

    Lu pignataru di Palermu K 'Na vota si canta e s'arriccunta ca cc'era una di chisti pignatara di Palermu ca nèscinu pri li paisi cu un càr- ricu di ruttami e la vannu vinnennu. Dunque com'ho a fare io? Favula ditta, favula scritta, Diciti la vostra ca la mia è ditta. Io ccà m'hé 1 In questa novelli la narratrice palermitana racconta nella sua ] ur- lata natale, ma imita nei dialoghi il parlare di qualche comune lontano di Palermo. La caratteristica di questa imitazione è Vjeu per io e la gli per gghi nelle voci vogghiu, flgghiu ecc.

    Altre voci non palermitane sono: picciliddu per picciriddu, jisterna per ci- sterna. L'origine di que- sto proverbio si trova nella presente raccolta.

    Ora mi nni vaju Juncennu 'nta n'àutru paisi vidi 'na gran fudda davanti la Chiesa: e cc'era una tutta 'mpupata ' chi s'avia di ma- ritari e com'era longa longa e avia 'na gran pittinatura, 'un putia tràsiri di la porta ; e la matri chiancia , ca la figghia 'un si putia maritari, e cci arristava schetta. Addetta o gaddetta, o 'ddetta , o agghietta, fossarella che fanno i fanciulli per giocare alle nocciole.

    A la nisciuta di la Chiesa, iddu flci lu stissu. Lu picciottu si nni iju 'nta n'àtru paisi. Arrivau prima di Tarba, e s'arristau darreri la porta d'un raaàsenu. Sin- teva parrari, talia di lu pirtusu di la porta , e vidi un maàsenu china di casci, a la cima 'na donna chi filava.

    Gè' I comu cci arrivau la gastima! Si ricordi che nel popolo S. Antonio è il protettore di questi a- nimali. Lu picciottu cuntintuni si pigghia tutti sti cosi e si nni torna a lu so paisi.

    La matri comu lu vitti cu sti cosi vosi cantata tutta la storia, e iddu cci la cuntau. Ani- varu a maritarisi, e lu 'nnumani chi si livaru ziti, lu zitu nisciu pi jirisi a'ccattari la carni. Comu iddu cci dissi accussi , la mugghieri si misi a chianciri dicennu:— a Gè'! È un uso funebre. Fuori Sicilia corre ne più né meno che tra noi, e ne varia solamente qualcuno degli aneddoti avvenuti al giovane che va in cerca di una sposa meno sciocca di quella che s' è scelta nel proprio paese.

    Nel Bastianelo, n. VI delle Fiabe popol. NONI, un marito lascia la moglie perchè essa, la madre e il padre piangono pel pensiero che passa a lei di poter ingravidare, fare un figlio a nome Bastianello e questo figlio poterle morire. Partendo col proposito di tornare se troverà persone più balorde, in un altro comune egli trova uno sciocco che volea riempire un recipiente d'acqua collo staccio; in un altro uno che s' affanna a saltare da un albero a gambe ferme per infilarsi di un colpo un paio di brache tenutele dalla moglie; e in un altro una nuova sposa che non potea entrar solenne- mente per la porta della città perchè a cavallo, ed era più alta che la porta.

    L'aneddoto del porco si riscontra con quello di Maju longu di questa raccolta, e con un altro affatto simile della Pata- locca, novella bolognese della Coronedi-Berti. Lu Lar carisi. Lu bastimentu facia vela di notti e lu friddu trasia 'nta Tossa. Mischinu lu Larcarisi battia li denti e si cugghia tuttu; ma era tuttu 'nùtili, ca la tramuntana cci tagghiava la facci.

    Ga- mina, camina, tant'è lu bastimentu junci a vista di Pa- lermu. Diciti la vostra ca la mia è tutta. Lu Partannisi. Ora lu tagghiu. Quannu menu si Paspittava, rùmpisi lu ccippu, e abbucca dd'arvulu, e lu Partannisi scuppau 'n terra quant' era longu. Murivi I Purtatimi a vurvicari a lu paisi! Cc'eranu ddà 'nna pocu di viddani, tutti Partannisi. E chiddi, minchiuni minchiuni lu pigghiaru pri dda 'ntrata e lu purtaru a Partanna comu mortu.

    Si legga Le Cene di A. Grazzini detto il Lasca, c. Nelle parole messe in bocca al capaciolo è imitalo e forse non esage- rato il parlare di quel comune, il quale vocalizza assai più che non si creda le parole.

    Haju passatu tanti patruna, e ora capitavi 'mmanu vostra. La mugghieri pi 'na parti si dispiaciu ca cci avia appizzatu lu sceccu, ma pi 'n'àutra parti cun- tintuna ca lu sceccu avia addivintatu cristianu. Lu viddanu si misi a chianciri pi la pena, poi cci misi 'nta li manu un dudici-tari e nni lu fici jiri. Lu latru comu si nni iju, iju a truvari a lu cumpagnu cu lu sceccu; cci cunta tuttu lu fattu, e jeru a vinniri lu sceccu. Lassamu a. Cristina a T Alivuzza va p' accattari un sciccared- du.

    Stu bazzariotu lu iju a vinniri a la Fera di S. Va lu Gapaciotu e metti a firriari fera fera. Quarchi n'àutru piccatazzu gruossu gruossu aviesti a faril Chi ti criedi ca t'accattu arrieri? No, no, minchiimi!

    Treviso, Andreata, , in 8; ristampa di altra edi- zione dello stesso anno fatta in Venezia, ma datata da Ornate, Questi uscito dal bosco, trova il romito in luogo dell'asino, lo mena a casa, e lo trattien seco a cena e all'albergo. La bestia inso- lentisce, prevarica, scandaiezza Gianni e impenitente si muore. Operette dell'ah. Venezia, Gir. Questa novella fu anche tradotta in inglese col titolo : The Cordelier metamorphosed, by Migh.

    Colombo, and the Cordolier cheval of Piromvith a traslation in prose and verse hy M. Hib- BERT. London, , in 4. Un juornu stu Calavrisi si risolvi. I, pag. Gaetano Di Giovanni. Stu me cullega è 'ncummudatu , ed è divotu di S. In Sciacca son celebri le feste che si celebrano a questo santo, sulla cui bara si siedono quand'essa si porta in giro per la città tutti quegli erniosi che attendono la guarigione istantanea.

    Qualela o cautela, brachie- re, cinto erniario. Ristanna poi la cridituri ni la putia cu lu mirceri , chislu ci dissi di tràsiri ni una càmmara ddà dintra, pirchi ni la putia li genti lu putianu vidiri. Chiddu trasiu, e nun ci paria Tura chi si vidia cunsignati li dinari pri jirisinni.

    Ma la cosa nun fu accussi; cà mentri chistu lu taliava praviri li dinari, chiddu pigghiau lu vracàli a li manu e ci urdinava di spugghiarisi, nun putennula accussi di fora pigghiari la misura! A mia mi ha ditta ca aviti bisognu d' una quatela, pirchi dici ca siti divotu di S. Guntau poi tutta la ragiuni a lu mirceri, ca avia datu tanti dinari a lu Pitralisi, ca ci avia datu a mangiari ni la tratturia, e poi dispiaciutu e currivatu di la cutuliata ehi chiddu ci avia fatta, si nni iju.

    E accussi lu Pitralisi minchiuniau a lu Gifalutanu. VI, cap. X, pag. Ora arresta chiddu ch'avia a pricurari à carni: — Pi discursu abitava a Malazzu, dicissiam nùa, a porta Missina. Ogni jornu sapia chi calavanu li Limirioti e purtavanu a bindiri ciurri. Chi m'é 'nginucchiari! U lazzaroni 'ntramenti, mentri chiddi si sciarriavanu, avia nisciutu di 'n'autra porta d'à eresia, ch'i ciurri 'mmanu, e l'avia purtatu und'i so cumpagni.

    Un aneddoto consimile è in Firrazzanu. Questa spiritosa capestreria fa raccontata sotto varie forme da più d'un autore, e se ne trova un accenno perfino nelle Novelle del Sacchetti, n. CCXX, là dove Gonnella compra un paio di capponi.

    Notti, fav. Carlo Casalic- CHio, Vutile col dolce, cent. I, dee. Il, arg. Invece di pagarli conducono il villano al monastero e sotto il pretesto che egli si voglia confessare, lo consegnano ad un frate, che scopre l'inganno. Stu latru addunca pigghiau amicizia cu un latru di Na- puli, e ficiru cuUianza e si facianu 'nzèmmula li scurcid- di -. Un jornu, sapiti comu su' li Napuli tani?

    Un prov. Livio, dice : Napulitanu largu di vucca e slrittu di manu. Si partinu di notti lu Sicilianu e lu Napulitanu cà avianu ad essiri tuttidui e lu Napulitanu jetta 'na billissima scala di sita a la fi- nestra tutti sti cosi di notti , e acchiana lu primu. Lu latru Sicilianu cci acchiana di sutta, e 'ntra mentri chi chiddu acchianava, chistu, zittu tu e zittu eu cci tagghia c'un rasolu li soli di li scarpi a lu Napulitanu, e si li metti 'nta la bunàca. Ghiddu nun ni 'ntisi nenti.

    Lu megghiu chi è, facemu li cosi di bonu ac- cordu, e stàmunni sempri 'nzémmula. Lu Napulitanu e lu Sicilianu K 'Nta stu miinnu munnu 'na vota jia caminannu un Na- pulitami, e aviennu fattu tanti viaggi , a la fini sbarcau a Palermu.

    A la lucanna, avennu acldumannatu cu' c'era di passeggeri. Il siciliano mangiava e mangia- va. Traseru, e ficiru li ci- rimoni a lu Principali, poi vinniru a dirici lu motivu di la vinuta, ca era di vuliri accattari tanti pezzi di roba. A la finuta lu tratturi ci 'ncugnau, e dissi qualchi palerà pri aggiustàrisi.

    Lu Sicilianu, cu ddu cappiddazzu 'nsunsatu, tuttu seriu seri u ci rispusi : — 8 E bonu!.. Iddu stava friscu! A li strati strati li dui cumpagni si quistiuna- vanu di cui avia fattu la cchiù granni 'spirtizza. Fattu lu nigoziu, lu Sicilianu partiu pri lu so paisi, cuntenti comu 'na Pasqua. Lu Napulitanu tantu cuntenti pri aviri accattatu lu cap- piddazzu, si ni iju dintra, e lu dumani nisciu cu 'na cin- quantina d'amici pri fari trattamentu a tutti.

    Chi è Cappiddazzu paga tuttu? A mia m'havi a pagari vassia, no lu cappiddazzu! Nisciutu fora lu Napulitanu, ancora si facia curaggiu , cridènnusi ca dda cosa nun ci Pavia dittu a lu tratturi cu lu tonu di lu Sicilianu.

    Si ni iju a la casa e si purtau tutti ddi va- slunati. Si ni iju cu so mugghieri e li soi figghi, an- chi cu li so' amici, e ci prumisi di la matinata falli man- giari franchi. Traseru ni 'n'àutra tratturia, e misi a cuman- nari 'nsocchi cci piacia.

    Chistu era, vonnu diri, un cammareri Ccà 'n Palermu 'na vota ce' era la Riggina, e vosi ca- nusciri a Firrazzanu. Firrazzanu cci iju , e la fici allia- nari 'anticchia.

    La Riggina pi fàrisi sen- tiri jisava la vuci, e macari facia gridi, e la Cicca cchiù di cchiù a gridari, sina ca paria ca si sciarriavanu. Ziu custureri chi torci lu mussu. Ghiamau a Firrazzanu e si fici chiamari un cu- stureri. Li custureri quannu tagghianu lu pannu si so- linu torciri lu mussu. Si si cci dùnanu altura dui Ugnati, motu 'un cci nni veni. Lu custureri pigghia lu singu, poi si menti a tag- ghiari. Lu pannu era dduppiu, e lu custureri cchiù tur- eia lu mussu.

    E chi manera è chista, Signuri, di vastuniàrimi mentri staju travagghiannu?! Lu custureri accumenza a tagghiari arreri , e tagghiannu tagghiannu turcia lu mussu cchiù assai. Lu Principi prontu: 'n'àutri du' Ugnati. Ora livàUvi d'erruri, signuri ' Singarl, segnare colla pietrj da sarti. Pi ora livati di 'mmenzu lii vastuni, ca poi cu Firrazzanu mi la viju io.

    Minchiuna nuàtri ca nni ficimu livari di li so' paroli! Firrazsanti e lo parcàrti- 'Na vota Firrazzanu era dispiratu comu Papa 'nta lu 'nvernu, e si smiruddava di truvari un caminu comu pu- tissi arranciàrisi gualchi cosa.

    Nesci di Palermu e vidi un bellu toccu di porci, ca vinia Parma a talialli di quanfe- ranu grossi e grassi. P'abbri viari Ju fattu, sicutau a fari sta vita pri 'na pocu di jorna, e a lu purcàru cci paria ca cci avissi vinutu la pruvidenzia di Diu senza circàrila.

    Menti pri mia. Firrazzanu cci avia dittu a' lu purcàru ca si chiamava lu Baruni Patruni— Comu. Subbitu la servu. Ora , chi vi nni pari? Li porci vulili? Lu Principi di Missina mittemu ca si chiamava ac- cussi nun vinni nenti. Chissu chi diciti vui di ajeri è unu chi veni e mi diiua se' tari pri vidiri manciari a li porci, e pri chissu eu lu rispettu: ma chi patruni e pa- truni! Prestu, jamulu a circari.

    Ma chi Baruni e Baruni! Vai va- llava li pirnicani; e li pirnicani su' chisti. IJa musica di li scocchi. Wàutra vota Firrazzanu coi nni vosi fari Vàutra a la Principi; arricogghi 'na pocii di scocchi màsculi, e li si- tua sutta li finistruna di la Principi, 'nta F ara chi avia a manciari. Ma Firrazzanu ch'era minchiuni ca si facia piscari? Santi-pedi-ajutati- mi! Xeu vinti pir centu. Chi fa? La Principissa a- spetta aspetta, junciu sina a la menzannotti. Veni lu Prin- cipi e trova la Principissa cu gran pinseri.

    Jamu ca la Principi s'arricogghi e nun trova a nuddu. Va nni la cacina, e cci spija a la coca, chi si manciava? Haju caputa Nun m'avia dittu vostra 'Ccillenza di jiri a la casa cu lu me commudu? Quannu fui commudu jivi a fari la 'mmasciata.

    Palermo, 9. Comu junciu a Murriali si divirtiu, e lu 'nnumani addùa un carrettu e la jinchi tutta di terra, e si cci metti di saprà. Scinni 'n Pa- lermu beddu pulitu e si metti a passiari a lu chianu di lu Palazzu. Allura Firrazzanu si prutistau ca si lu pig- ghiavanu javanu contra la Giustizia, pirchi iddu nun era 'n contra venzioni, ma era supra la terra di Marnali. La nutizia coi piaciu a lu Viciarrè e Passurviu. Ili centu Hgsiati. E chi fa?

    Firrazzanu e chiddu di i'ova. Gumincia a nèsciri a unu a unu l'ova di lu panaru e cci li metti supra li vrazza. Chiddu cci cridia.

    Quannu cci parsi a iddu ca chiddu culFova 'un si putia arrimi- minari cchiù, cci sfigghia li causi e si nni va. Firrazzanu chi parrà a l'aricchia a In sceccu. Non venimmo noi a patti? Peso e misura non ti dà né ti toglie. Ferrazzano gli fa acctsiare al petto Tuno unito all'altro le braccia, e gli dice al vendit. La ruttami , figurà- munn.

    E chissà fu la parrata a Faricchia di lu sceccu! Palermo, V'era un buco, e i facchini soleano nascondervi del pepe in polvere per condirsi le pagnotte la mattina. Vinniru li vastasi, e si cunzam li soliti pagnotti, e cci saliàru ddi belli spèzii.

    Mancianu, e lu sapuri si cci sintia chi 'un eranu spèzii.

    ABBIRIRI CHI MI VEGNU E DICU ASCHI

    Ferrazzaoo è la personificazione delle capestrerie , delle a- stuzie, delle facezie e delle burle siciliane, come altri nomi lo sono delle astuzie, delle burle e delle capestrerie di altre Pro- vincie e paesi. L , variante della nostra prima; Lw praw;sw di l'orvi, che si riscontra colla novella de' tre ciechi del Sacchetti; Li pirnici e faciani e Fa corna a lu harcuni.

    IV, n. Un equivoco sinjile è in Somma, Cento Me conti , n. GXV Gli equivoci sempre si possono pigliare. Il servo conduce seco quattro portieri del carce- re. L'equivoco è nel doppio significato di portiere in napoli- tano. Meglio è anche il racconto CVll, che ha perfetto riscontro col nostro di Ferrazzano.

    Lo equivoco richiama alla favola 3. L'equivoco è col vi- tello che è anche il nome di un birro. Straparola, Tredici piacev. XIII, fav. Nella XXVIl delie Novelle del Sacchetti, il Marchese Obizzo da Este comanda al Gonnella buffone, che subito vada via e non debba più stare sul suo terreno; e il Gonnella gli ricom- parisce davanti sopra una carretta di terra di Bologna; colla quale malizia si ottiene la grazia del suo Signore.

    Richiama ad un aneddoto simile che si legge nel libretto: Le sottilissime astuzie di Bertoldo, ecc. Milano, Pagnoni, Quivi un villano Bertoldo capitando alla Corte di Alboino re de' Longobardi in Verona e facendone e dicendone di tutti i colori si riduce a tale che il re Io caccia via.

    Bertoldo dice che si caccia le mosche, ma le mosche ritornano. Trovasi pure come punizione data dalla regina e non dal principe nella 75 delle Sic. Un aneddoto molto simile è in Somma, Cento Racconti, n. Se non che, le cause dei fatti son altre.

    Vieri da Castiglione. In generale, le capestrerie di Terrazzano si trovano quasi tut- te in un libretto in ottava rima che io non ho mai visto, in- titolato: Le buffonerie del Gonnella, cosa piacevole et da ridere ecc.

    Passano: J Novellieri italiani in verso indicati e descritti, pag. Bologna Romagnoli E come attribuite ad altro ne fa cenno il citato Minnucci, in una nota al Malmantile, cant. Ili, ottava Lu zu Crapianu. Si raccunta chi un viaggia cc'era un marita e 'nna mug- ghieri, e avianu ""nna figghia. Intanta chistii avia un locu vicinu lu paisi, e si chiamava lu zu Crapianu. Lu travagghiu di chistu 'unn'era àutru chi sempri 'ntra stu locu. Comu pigghiàru st'amicizia cu stu zu Crapianu sempri si nni jianu a lie- nazioni cu stu zu Crapianu.

    Intantu, chi circau di fari lu zu Crapia- nu? Mi dunanu unzi e si la pigghianu. Fuiju la cunigghia e si perdi a ddu locu locu. Andiamo a' ladri; essi oh come imperversavano con- tro Io zio Caprian. Dumani jeu cci fazza stu discarsu, ch'haju sta pignata chi coci senza focu idda sula. Li latri po' si nni jeru; la sira quannu vinianu tutti currianu pri arrivari prima e vidiri la carni cotta. Arrivannu chi fici unu e pigghiau un pezzu di carni la truvau comu la lassàru.

    Com'era àutu o vàsciu? Scarica un calcio e butta via la pentola pel mezzo. Facennu tri sunati tu ti Susi; chisti comu vidinu st'operazioni, lu fiscalettu cci piaci e lu vonnu, e nui cci scippamu 'n'àutri unzi. Pri nun lu spiàciri cci vannu tutti tridici.

    Lu zu Crapianu si metti a santiari e a diricci paroli ; pigghia lu cuteddu e la scanna. Ora siti anzianu , stu vi- ziu di aviri sta livata vi 1' aviti a livari. Chiddu chi mi vonnu dari mi dunanu; mi dunanu unzi e cu' fici flci. Livamu a chisti chi arristaru senza mugghieri, e pig- ghiamu a lu zu Crapianu. Li tridici latri pigghiaru un saccu, e jeru nni lu zu Crapianu; arrivannu nni lu zu Crapianu senza diri nenti l'affirraru e lu misiru 'ntra lu saccu, si lu misiru davanti cavaddu e si nni jeru.

    Ma comu facemu? Lu zu Grapianu Pattaccau, si pigghiau lu vastuni e si nni iju a guardari pecuri. Mi dunanu la figghia di lu Re, e jeu mi la pigghiu! Gei veni un matrimoniu e marita a so fig- ghia, e cu la cuntintizza chi maritava so figghia e cci dava 'nna pirsuna grossa fici un bellissimu fistinu, e ed fa un granni cunvltu. E accussi Idddi arristaru filici e cuntenti E nuàutri ccà senza nenti. Un giorno dopo d'aver venduto non so che roba , tornava a casa col suo asino e Coi guadagni , tutti in monete d' argento.

    Leonardo Greco. A questo punto la versione non varia più che tanto dalla nostra. Quando i ladri da ultimo lo chiappano in campagna e lo chiudono in un sacco per gettarlo a mare, ac- cade che essi si fermino a mangiar ricotta in una mandra, ove appunto succede che un guardiano lo sostituisce nel sacco pel desiderio di prendersi in moglie la figlia dal re che il furbo calzolaio piangendo dice di non voler prendere perchè ammo- gliato. Birrittinu è sostituito nel sacco da un giovi- netto capraio, e questo dai ladri è gettato giù da una mon- tagna; Birrittinu getta poi i ladri da una montagna più alta, perchè prendano non solo cose, ma anche vacche, cavalli e muli.

    Una versione toscana è in De Gubernatis, n. Una versione veneziana che ha quasi lo stesso fondo è in Widter e WoLF, n. Il nome di Zu Crapianu q lo stesso di quello onde s'intitola la medesima novella in un libretto popolare che racconta ne più ne meno quello che lo Zu Crapianu e le varianti di Po- lizzi-Generosa, di Casteltermini e di Valle d'Olmo. Composta per un Fiorentino. Nuovamente stampata. La moglie lo fa accorto del- l'inganno, ed egli fa poi quel che dice la novella.

    Lo stromento che fa risuscitare è una piva. Mdrchen, voi. Crapianu è chiuso nel sacco dai ladri per esser buttato a mare; e nelle Sottilissime astuzie di Bertoldo pag. Il birro lo guarda j Bertoldo comincia a dolersi e a rammaricarsi di- cendo che egli non cederà a queste nozze. Il birro si mette in orecchi; vengono entrambi a dialogo, Bertoldo gli dice che poiché egli, ricchissimo benché per non farsi conoscere vada travestito e vestito male non vuol prendere una maschera meno ricca di lui, la regina l'ha fatto chiudere dentro quel sacco per far le nozze per forza e con inganno.

    Il do- mani il birro è bastonato e buttato nell'Adige. Bevi, bevi a facci di chillu Re ch'è pórcu. Sta jurnata ch'hè manciari? Cummari, lu sapiti chi vi dicu? La sira chiddi chi vuscau tutti, — 'ann'é chi pinsava pri lu 'noumani, — pasta e ficalelii tutti; svampau lu focu e si misi a ciusciari.

    Bevi, bevi, a facci di quilla màm- mita ch'ha fattu lu Re porcu. La sira tutti a pasta e ficatelli; quantu vuscava vuscava, tutti Pavia a spèn- niri la sira. Bevi, bevi, ddà cc'è lu ciascu. Comu agghiurnau senti 'nna carrozza, e si ferma davanti la so porta. Bevi, bevi a facci di quillu Re ch'é porcu.

    A facci di quilla màmmita eh' ha fattu lu Re porcu. Ddà lu 'nnumani cci passàru lu rànciu e manciau. Vinni lu tempu di fari sintinelia, e ddu jornu nun si maociava. Scinni lu Re; a lu solitu lu vulla fari viviri e cci cuntàu tuttu lu fattu.

    تفاصيل ال٠نتج

    Lu Re si nni iju; lu soiichianeddu suldatu manciau, chiudiu e si nni iju. Lu 'nnumani cci passàru lu rànciu, e comu fussi fattu apposta, la 'nnumani chi nun si mandava cci attuccau a fari sintinella. E sempri dumannava si ddu jornu si passava rànciu.

    Scinni lu Re. Comu si nni iju lu Re pigghiau a quattru snidati; li spugghiau nudi e li flci mettiri 'ntra la scala, unu apprima, dui 'ntra lu mezzu, e nn'àutru ddà 'n capu. Subbitu tagghiaccilla! Iddi arristaru filici e cuntenti, E nuàutri ccà senza nenti.

    Chiddu si piglia' la tunica e si nni ij'; cci ij' a pigliari la carni e cci la purtà' a la muglieri. Bramu grido, bramari, abbramari, gridare piangenti 0, quasi ufulare. Le vecchie dovevano mandarsi in giro per la città spiando ohi mangiasse delia carne. Sbroglia comu vitti la cruci a la so porta, si piglia' lu pignatuni e va facennu cruci a tutti li porti. Lu muraturi e so flgghiu. Gc'era 'nna vota un muraturi eh' avia 'nna mugghieri e un figghiu.

    Un jornu lu Re mannau a chiamari a stu muraturi, pri fari un casinu 'n campagna, e -ntra stu ca- sinu cci avia a mettiri dinari, chi nn'avia assai e 'unn'a- via unni mittirili.

    Chistu muraturi si misi a fabbricari 'nsèmmula cu so figghiu. Gomu tir- minaru lu casinu lu Re li pagau, e iddi si nni jeru a la so casa. Passannu 'nna pocu di jorna vitti chi nun cci jia nuddu, e cci livau li guardii. Lassamu chi lu Re cci livau li guardii , e pigghiamu a lu muraturi. Arrivannu a lu casinu hannu livatu lu pezzu e trasiu lu patri, e jinchiu lu saccu di munita d'oru; nisciu e cci situau lu pezzu arre com'era e si nn'hannu jutu. Cci ha lassatu li sinlinelli, e si nn' ha jutu.

    Lassamu a chiddi chi si nni jeru e pigghiamu a lu muraturi. Arrivannu ddà , hannu livatu lu pezzu , e ha tra- sutu lu patri. Comu trasiu, appizzau 'ntra la pici; si vu- lia dari ajutu; si jia pri spiccicari lu pedi e appizzava di la manu. Iju a jiccàri la testa a lu ciumi e si nni iju a la casa. Comu facemu pri vidiri cu' è? Lu figghiu ha pinsatu capitari 'nna mula e carricarla di vinu alluppiatu, ed ha passata di ddà davanti. I chi voli?

    Comu lu truvau cci lu purtau ddà a lu postu, e s'ha jutu a pigghiari lu tùmminu di la munita d' oru. Li biechi ni misi a lu postu pri cunnucillu e si mettinu a firriari lu paisi.

    Vittiru chi nuddu chiancia e rhannu purtatu arre a lu postu. Gomu hannu vi- vutu s'hanrm addurmisciutu, e Ninu li vesti tutti di mo- naci, a lu capurali cci misi la cruci 'mmenzu li ganami, s' ha pigghiatu lu mortu e si nn' ha jutu a durvicar- lu; rha durvicatu distanti di lu paisi, e si nn' ha vinu- tu.

    Lu mortu arre si lu pigghiaru! S' ha pigghiatu li dinari, e chiddi hannu cunnuciutu arre lu mortu; hannu vistu chi nuddu ha chianciutu e si nn' hannu turnatu a lu postu. Comu lu vittiru affaeciari lassanu lu mortu e si nni vannu. Iddu si pig- ghia lu mortu , e lu va a jetta a mari. Og;gi i tari 12 Ln. Chiddi si nn'hannu jutu li vecchi.

    La pigghiau; comu avia un puzzu, la jittau 'ntra ddu puzzu. Lu mezzujornu s'avianu a prisintari tutti li vecchi nni lu Re; si prisin- tàru; e nni mancava una, Lu Re mannau a chiamari lu uccèri cci dumannau si di lu cantàru di la carni nn'avia vinnutu, pisau la carni e cci nni mancava un rotulu senza vinnirni àutra.

    Ond'egli promette serbare la figlia a colui che si svelerà autore di tante astuzie, cui non giunge l'accorgimento dei savi stessi della Corte. Edifica un palagio al comune della città. Dopo qualche tempo vi ruba una coppa d'oro. Vi ritorna e cade in una caldaia di pegola bollente. Ricciardo suo figlio gli taglia la testa. È esposto il cadavere sulle forche. Il figliuolo stesso la ruba e la sotterra. Si tenta invano discuoprire il ladro colla gola e colla lussuria.

    salta cavallo - GIOCO POPOLARE

    Finalmente il doge fa bandire che il reo avrà il perdono, e la sua figliuola per moglie, se si scoprirà da sé. Ricciardo va al doge, gli dice il tutto, ed ottiene il premio promesso. Lu scarpareddu. Genera 'nna vota un Scarpareddu, ch'era nudu e mortu di fami. Avia quattru figghi fimraini, e nudda vuscava un granu. Gamina camina, lu tempu passava, e lu puvireddu nun avia testa, sempri pinsannu la so mala sorti. Allura si nni torna a la casa; mentri chi torna a la casa, pri dis- grazia sua pri furtuna, vitti un sacchiteddu 'n terra; lu pigghia e vidi chi cc'eranu dinari, allura si metti 'n sac- chetta.

    Zittu e lassa fari a mia. Queste parole il raccontatore le disse a voce bas- sissima per mostrare che il furbo che bai diva non volea far sentire pre- cisamente quel che avea ordinato il confessore di far conoscere. Poi pigghiau du' tavuli, li misi 'n cruci e 'n nuci ' e fur- mau 'nna cruci e Fappizzau a lu muru. Addumami dui cannili una pri latu, chiama 'nna vicina e man ni a chiami a lu me Cunfissuri, e cci dici chi mi vogghiu cunfissari. Arrivannu ddà trasiu e vidi a li picciriddi nudi comu Tarmi di lu Priatoriu; a iddu misu 'n cruci comu un Cru- cifissu, a la mugghieri comu 'nn'Addulurala, arristau ma- ravigghiatu.

    Iddi arristaru filici e cuntenti, E nuàulri ccà senza nenti. Lu scarparu e li monaci. Si Iruvava un scarpareddu cu numerusa fammigghia , e era sempri cunfusu pi chiddu clii ci avia a dari a man- giari. Sintiu ca 'na signura avia tanti purceddi, e pinsau di jirici pi vidiri chiddu chi putia cumminari. Ficiru lu prezzu, e iddu ci dissi a lu scarparu ca li dinari ci Tavianu a dari li mo- naci di lu cummentu.

    Lu scarparu pi nun sapiri leggiri né scriviri, ci purtau lu pizzinu e lu porcu. Li monaci e li fratelli tutti si lu riciveru e lu ficiru scannari sub- bitu. A lu poviru mastru Peppi ci davanu chiacchiara , senza dàrici dinari né nenti. Vinni Tura ca lu porcu fu sparicchiatu beni, e li fratelli jeru a'pparicchiari ni la cucina li cosi di dintra. Comu fu ura ca li cosi eranu le- sti, un fratellu chiamau a li monaci pi jirisi a mangiari ddi cosi.

    Allura ci afFacciau un fratellu e ci dumannau chi cosa vulissi. Allura lu maritu ci detti la mala nu- tizia, e ci fici abbidiri la testa fracassata, Mannàru a pig- ghiari 'anticchia di salmi , e ci la untàru. Voi, III. La scarparu coma vitti la mala 'ntinzioni di nun ci dari li dinari, si nni iju dintra a spiculari chidda ch'a- via a fari.

    Lu lignamaru ' 'nta tri jorna ci flci lu siggiuni, e ci lu purtau. Si aggiustaru e lu lignamiaru si nni iju. Cric- chia, chierica. Priparau 'na bona corda, e attaccau beni la sig- giuni.

    Pigghiau 'na scala e appiccicau a lu tettu. Mastru Peppi lu siggiuni Facchianau a lu tetta, e poi accuminsau ad attaccàrici li torci a li vrazza e Taddumau. Lu gran siggiuni lu calau 'mmenzu la Chiesa, e iddu ti- nia sempri ferma la corda. Abbasla chi ni proteggi semprienun ni scorda. Ci pinsati chi mi dicistivu tannu? Basta : coma vosi Dia, la pigghiaru e la purtaru a lu lettu. Lu scarparu 'nta ssu 'stanti scinniu e si nni iju a la casa. Pinsau di vestisi magnificu, cu cappeddu tunnu e catina, e studiar!

    Si va a cummina ca passannu 'na vota pi 'na strata, si scun- trau cu un monacu, e chistu 'ncugnau pi addumannàrici la limosina. Iddu ci detti cincu pezzi. Si licinziaru, e lu fratellu si ni iju a lu Gummentu pi dillu a lu Guardianu.

    Ci lu iju a dissi, e lu Guardianu mustrau tuttu la piaciri. Havi la varva fina fina e pari un signuri. Lu scarparu è poviru e percui! Pi abbriviari ]ii discursii, vinni lu Dutturi, e la riciviera cu tantu piaciri. Lu ficiru tràsiri ni la cedda di lu Guardianu. Li chiudiu cu la chiavi, e ci dissi ca doppu di cu- rari a la Guardianu iddu ci grapia.

    Lu scar- paru ci ni detti tanti quantu piaceru a iddu, e poi, quannu vitti ca r avia lassatu pi morlu, pensa di jirisi a fari li cravaccaturi, e jirisinni cu tutta la so famigghia. Arrivau 'nta 'na granni cita, e ddà accuminsau a fari sfrazzi, pir- chi era addivintatu riccu, era unu di li dui. Li poviri monaci 'nta ssu stanti ancora aspittavanu a iddu, ma poi quannu vUtiru ca Pura èra tarda, e lu Dutturi nun ci jia a grapilli, pinsaru di scassar!

    Vannu a la cedda di lu Guar- dianu, e lu trovanu ca mancu putia dari vuci. La testa chi ci sGurria a sangu, e li linzola tutti lordi. Allura s'armaru, e curreru paisi paisi pi jiri a'mmazzari a lu scarparu.

    A sta risposta li monaci si nni jeru dintra e si misiru a chianciri tutti di la pena e di la rabbia. Lu fattu sta ca di jornu 'n jornu nun sapianu chiddu chi avianu a fari pi mangiari ca di già s' avianu arridduttu veri scarsi. Gaminannu un fratellu pi ssi paisi, si scun- trau cu un galantomu, e ci addimannau la limosina cun- tànnuci tutta la passata, ca pi essiri lu so Guardianu ac- cussi stravaganti, ci avia appizzatu la saluti iddu, e a via fattu cunsumari a lu Cummentu di da un scarparu.

    Si va a viriflca ca chiddu era arreri lu scarparu, ca si avia faitu riccu cu li dinari di lu Cummentu. A ssu discursu, iddu fici abbidiri ca cc'avia piata , e li vulia ajutari. Lu fra- tellu allura si prijau ca avia truvatu a so patri.

    Si partiu 'nsèmmula cu lu fratellu, e arrivau ni lu paisi di li monaci. Lu Baruni allura cumannau a li mastri di sfrabbicallu tuttu , pi poi frabbicallu quantu cchiù prestu. Li mastri, cu lu piaciri di lu Guardianu e di li monaci, lu sfrabbicaru tuttu.

    Lu Baruni pi la prima simana si misi a pagari a li mastri. Era Tura già ca Pac- cuminsaru a frabbicari , e li mastri travagghiavanu cu veru piaciri. Ma chi fici lu scarparu Baruni? Lu fattu sta ca si arridduceru a la vera limosina : senza casa , e senza aviri di chi mangiari. Un jornu di chissi lu Guardianu chiamau a tutti li monaci e fratelli, 'nta 'na càmraara; di- ci: — a Signuri mei, già viditi ca pi iu fari tantu beni a lu Gummentu ci haju appizzatu la saluti e nenti haju cunchiusu.

    Sapiti iu chi dirria di fari? Lu restu di li dinari vannu a vantaggiu di tutti nuàtri. Filari per pagare è det- to dai movimenti delle due prime dita in chi fila e in chi snocciola quattrini.

    Ni lu mura 'nfacci la porta c'era 'na figura di 'na vecchia pittata: iddu tuppuliau, e ci grapèru subbitu. Affacciau lu pa- truni, e lu fratellu, accussi comu vosi Diu, ci prisintau a noma di lu Cummentu ddi dinari prigannulu di las- salli stari cueti ca già eranu arriddutti senza aviri nenti. Lu Baruni ci prumisi ca nun vinia cchiù a fàrici nenti, bastànnuci sulu di avirici fattu rigurdari lu so nnomu I Lu fratellu taliava lu palazzu e 'nta stu mentri lu currivu silu mangiava vivu; pirchi pinsava ca 'nsocchi iddu avia si Pavia fattu cu li dinari di lu Cummentu.

    Vuliti sapiri di cchiù? Abbasta comu misi a fari Tarba, e lu fratellu era liberu di vita, pinsau di scassari la porta, e jirisinni, senza mancu addumannàrici licenzia.

    Arringraziau a Diu ca si scatinau di ddà, e si potti assicurari la vita! Questa novella ne raccoglie più d'una che corrono a parte in tutta Sicilia. Li prima vendetta del calzolaio costituisce la nota novellina: Fra Giuvanni [Palermo , Argomento ne è un frate ricco ma avaro e divoto, cui un furbo persuade a legare ad una fune che gli cala dalla volta il fagotto de' suoi tesori per salirsene al cielo.

    Si canta e. Fujirizzu, in Pai. Odono quel russio, che parca come di segamento di ta- vole, da una parte si spaventarono ecc. Ma dall'altra parte misero fuori i coltelli, presero una lampada, e si diedero a rifrugare tntti gli angoli.

    Gunsidirati comu si cci potti chiudiri lu cori! Cronistoria della sciagura ferroviaria di Lamezia Terme. Il giornalista Francesco Nania, col suo libro dossier "Una tragedia siciliana",. Il bilancio, terribile, fu di 29 vittime, 25 siciliane, fra cui il padre di Nania. Il destino volle che quei morti venissero dimenticati dall'intera Nazione già due giorni dopo, per causa di un'altra tragedia, il sisma in Irpinia.

    Etichette: una tragedia siciliana. Etichette: poesie. L'atroce morte in miniera. L'atroce morte in miniera come la "leggevano" il poeta e l'ingegnere. In questi giorni c'è stata la ricorrenza di uno tra gli incidenti più gravi della storia mineraria, quello verificatosi a Gessolungo il 12 novembre , con i suoi 65 morti: lo si è ricordato nella funzione che puntualmente gli "Amici della Miniera" di Mario Zurli hanno organizzato al locale cimitero dei "carusi", grazie a loro restituito alla dignità della morte, mentre in città continua a mancare un vero e proprio monumento al minatore, con la statua bronzea dello Scarantino che giace ancora inutilizzata in attesa di collocazione; lo si è ricordato nella mostra "Ricordi di miniera" che si conclude oggi a Palazzo del Carmine.

    Di quella sciagura sono state tramandate tante testimonianze: tra esse ne abbiamo recuperato due, che abbiamo voluto affiancare proprio per mettere a confronto due modi del tutto diversi di "leggere" quella pagina di morte. I suoi sono comunque versi sentiti, appassionati, che fanno ben rivivere l'atmosfera di quei momenti in un lungo componimento formato da ben 35 ottave.

    Trobia scrive del momento dell'esplosione, innescata da un picconiere che, sceso in galleria assieme agli altri operai del turno mattutino, con la sua lanterna aveva innescato lo scoppio del grisou. Nell'ultima parte del suo componimento, dopo avere ricordato la solidarietà scattata in favore delle famiglie colpite, Trobia dice di essere tornato dopo qualche giorno alla miniera chiusa e di immaginare tutti i morti riuniti in preghiera per chiedere perdono a Dio dei loro peccati.

    La seconda testimonianza, come detto, è quella di un tecnico, vale a dire l'ingegnere Cesare Conti all'epoca responsabile del Distretto minerario di Caltanissetta nonché direttore della Scuola Mineraria da quell'anno e fino al intervenuto sul luogo del disastro per gli accertamenti del caso, i cui risultati furono da lui riportati in un'articolata relazione datata 20 dicembre in essa sono descritte minuziosamente la tipologia dell'incidente e le varie fasi degli interventi per il recupero delle vittime e la messa in sicurezza della zolfara.

    Poco più lungi si rinvennero pure altri due cadaveri irriconoscibili. I primi cadaveri furono estratti solo undici giorni dopo lo scoppio del grisou: molti erano di "carusi". Tri ghiorna di macellu Tre giorni di macello di martorii e beccamorti di mortori e beccamorti di lamenti e chiantu di lamenti e pianto nte casi di poviri.

    Ci fu carni a bon prezzu Ci fu carne a buon prezzo nte tavuli di baruna; sulle tavole dei baroni; a bon prezzu a buon prezzo pi sovrani di Roma; per i sovrani di Roma; a bon prezzu pi Crispi, a buon prezzo per Crispi, macillaru di corte; macellaio di Corte; e Lavriano e Lavriano ginirali e sicariu generale e sicario pagatu a ghiurnata.

    Si si sicilianu Se sei siciliano isa u vrazzu, alza il braccio, grapi a manu: apri la mano: cincu banneri russi, cinque bandiere rosse, cincu! Adduma a pruvulera du cori! Accendi la polveriera del cuore! Si si sicilianu Se sei siciliano fatti a vuci cannuni, fatti la voce cannone, u pettu carru armatu, il petto carro armato, i gammi cavaddi di mari: le gambe cavalli di mare: annea i nimici da Sicilia!

    Cantanu odi o suli Cantano odi al sole o celu al cielo o mari al mare a zagara, alla zagara, e portanu a Sicilia ntronu e portano la Sicilia sul trono cu velu niuru col velo nero di mala maritata. Chi vrazza, Con le braccia, i rami virdi da Sicilia, i rami verdi della Sicilia arrimiscanu a terra, rimescolano la terra, rumpinu timpuna, rompono le zolle, siminanu seminano e fanno orti e ghiardina.

    Chi vrazza…, Con le braccia, fabbricanu palazzi, fabbricano palazzi, costruiscinu scoli, costruiscono scuole, ponti, ponti, officini officine e aeroporti. Chi vrazza, Con le braccia, i lapi di meli da Sicilia le api da miele della Sicilia grapinu strati, aprono strade, spirtusanu muntagni, perforano montagne, svacantanu a panza da terra.

    Cca nascivu, Qui sono nato addattavu nte minni di sta terra, allattai nelle mammelle di questa terra ci sucavu u sangu: le succhiai il sangue; si mi tagghiati i vini, se mi tagliate le vene, vi bruciati i manu! Non dumannamu pirdunu a storia Non chiediamo perdono alla storia ora ca nni scurdamu ora che abbiamo dimenticato i martiri di tutti i tempi i martiri di tutti i tempi ca misiru u coddu sutta a mannara che misero il collo sotto la mannaia senza chianciri: senza piangere Di Blasi, unu!

    Petri e fangu Pietre e fango Pi cu supporta a miseria, per chi sopporta la miseria, petri e fangu pietre e fango pi cu batti i manu e putenti per chi batte le mani ai potenti petri e fangu pietre e fango pi cu non metti u coddu per chi non mette il collo nta furca da libirtà: nella forca della libertà: u dicu e siciliani, lo dico ai siciliani e mi scatta u cori! E ci turcisti u pugnu. Etichette: ignazio buttitta , poeti , un secolo di storia.

    Post più vecchi Home page. Iscriviti a: Post Atom.

    Accusu i politici. Accuso i politici. Crispi e compagni,. Crispi e compagni. Accusu i Savoia,. Accuso i Savoia,. Un seculu di guerri,. Un secolo di guerre,. Non hanno vuci e gridanu. Non hanno voce e gridano. Non hannu vuci e gridanu. Tri ghiorna di macellu. Tre giorni di macello. Ci fu carni a bon prezzu. Ci fu carne a buon prezzo. Li abbiamo qui. Ancora cca. I compari da mafia. Chi manu puliti,. Si si sicilianu. Se sei siciliano.


    Ultimi articoli