Blog di viaggio di Andrea. Spero che questo blog mi aiuti a viaggiare!

Blog di viaggio di Andrea. Spero che questo blog mi aiuti a viaggiare!

RICEVUTA DINIEGO 730 SCARICA

Posted on Author Zulkizil Posted in Film


    Contents
  1. Offcanvas-main-navigation
  2. Modello 730: il diniego del sostituto va comunicato al dichiarante
  3. Navigazione
  4. Modello 730, due vie per comunicare alle Entrate la «sede telematica»

Risposte alle domande più frequenti - Flusso Chi deve .. Ricevute di acquisizione o di scarto delle comunicazioni . Diniego dei risultati contabili. Da oggi è possibile per i sostituti comunicare il diniego dei modelli nell' area autenticata alla sezione: "Comunicazioni-Modelli ". La comunicazione di diniego, come stabilito dal provvedimento del 14 L' Agenzia delle Entrate, una volta ricevuto il diniego, comunicherà. (contenente le somme che devono essere trattenute o rimborsate Una volta ricevuto il diniego, l'AE ne dà comunicazione al CAF o al.

Nome: ricevuta diniego 730
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Android. Windows XP/7/10. MacOS.
Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 25.82 MB

Non si registrano novità per le operazioni di conguaglio Di seguito rammentiamo brevemente la normativa nonché le modalità operative per una corretta gestione dei Mod. Quindi non è ammissibile il principio di cassa ovvero iniziare le operazioni di conguaglio con la mensilità di giugno anche se questa materialmente viene pagata a luglio.

Modello tardivo: Il termine del 23 luglio, entro il quale i contribuenti devono presentare, i Mod. Le operazioni di conguaglio inizieranno con lo stipendio di agosto e nel caso di trattenute in 5 rate, le medesime devono essere ridotte a 4 a tal proposito ved.

Nel corso degli ultimi anni, la fase finale dell'assistenza fiscale del modello ha subito rilevanti implementazioni determinate dall'introduzione della dichiarazione senza sostituto, della dichiarazione precompilata diretta e dei controlli preventivi sui rimborsi da Inoltre, sono state consolidate le procedure telematiche e adottate soluzioni che consentono una più completa informatizzazione del flusso telematico.

Si illustrano, di seguito, i chiarimenti forniti sul tema dall'Agenzia delle Entrate.

Offcanvas-main-navigation

Comunicazione per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai risultati contabili dei modello La Circolare ricorda, innanzitutto, che il flusso telematico relativo ai dati contabili per le operazioni di conguaglio, derivanti da assistenza fiscale, costituisce la fase finale dell'assistenza fiscale del modello Al riguardo, è previsto che i sostituti d'imposta, al fine di effettuare le operazioni di conguaglio, hanno l'obbligo di ricevere in via telematica i dati contenuti nei modelli dei propri dipendenti tramite i servizi telematici dell'Agenzia delle entrate.

Al fine, quindi, di consentire ai sostituti d'imposta di trasmettere correttamente i menzionati dati sono predisposti: all'interno della Certificazione Unica CU , il quadro CT da utilizzare esclusivamente in caso di comunicazione effettuata per la prima volta; il modello "Comunicazione per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai modelli resi disponibili dall'Agenzia delle Entrate" CSO , per effettuare le variazioni dei dati precedentemente comunicati o per effettuare la comunicazione per la prima volta.

Per quanto riguarda il citato quadro CT, viene chiarito che, detto quadro, è approvato con il provvedimento di approvazione della Certificazione Unica ed è riservato ai sostituti d'imposta che trasmettono almeno una certificazione di redditi di lavoro dipendente e che non hanno presentato, a partire dal , il modello per la "Comunicazione per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai modelli resi disponibili dall'Agenzia delle Entrate" CSO.

Inoltre, il quadro CT deve essere compilato per ogni fornitura di Certificazioni Uniche, qualora il sostituto d'imposta effettui più invii contenenti almeno una certificazione di redditi di lavoro dipendente.

Per quanto riguarda, invece, il modello "Comunicazione per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai modello resi disponibili dall'Agenzia delle Entrate" modello CSO - reperibile gratuitamente in formato elettronico nel sito internet dell'Agenzia delle entrate www. Detto modello è utilizzato dai sostituti d'imposta che: non hanno presentato, a partire dal , l'apposito modello CSO e che non hanno trasmesso il quadro CT, quali, ad esempio, i sostituti d'imposta non tenuti alla presentazione delle Certificazioni Uniche; intendono variare i dati già comunicati a partire dal con il modello CSO ovvero, a partire dal , con il quadro CT della Certificazione Unica.

Il modello CSO presentato per la prima volta produce effetti il giorno successivo a quello di messa a disposizione della ricevuta di accoglimento della comunicazione stessa, con riferimento ai risultati contabili per i quali non risulti già fornita al soggetto che ha prestato l'assistenza la ricevuta attestante la mancata messa a disposizione, al sostituto d'imposta o al suo delegato, dei risultati contabili. In caso di comunicazione di variazione dei dati già inviati con il modello CSO, oppure con il quadro CT, è necessario indicare il numero di protocollo della comunicazione o del quado CT, rinvenibile sulle relative ricevute di trasmissione, oltre che nel cassetto fiscale del sostituto d'imposta.

Modello 730: il diniego del sostituto va comunicato al dichiarante

Cessazione dell'incarico di delega alla ricezione dei modelli Detta comunicazione deve contenere il codice fiscale dell'intermediario e un suo recapito telefonico necessario per eventuali comunicazioni, il codice fiscale del sostituto d'imposta, il numero di protocollo della comunicazione contenente la delega alla ricezione dei modelli CSO o CT , la data di cessazione dall'incarico e, infine, in allegato alla e-mail, deve essere inviata copia della lettera di cessazione dall'incarico indirizzata al sostituto d'imposta.

Flusso telematico dati Al fine di ridurre la trasmissione dei modelli cartacei ai sostituti d'imposta, da parte dei CAF e dei professionisti abilitati, l'Agenzia delle entrate chiarisce che il modello deve essere sempre allegato alla dichiarazione modello , tranne che nelle seguenti ipotesi: dichiarazione modello presentata in assenza di sostituto d'imposta; contribuente con sostituto d'imposta INPS.

I dati relativi ai modelli saranno resi disponibili ai sostituti d'imposta a partire dall'ultima decade di giugno e fino al 10 dicembre e le forniture messe a disposizione dei delegati possono contenere, nello stesso file, modelli relativi a più sostituti d'imposta.

Ricevute di ricezione dei dati relativi ai risultati contabili dei La Circolare in commento precisa che l'Agenzia delle Entrate fornisce al soggetto che ha prestato l'assistenza fiscale, a partire dalla prima decade di luglio, l'attestazione della disponibilità dei dati al sostituto d'imposta indicando nella ricevuta il "codice SI".

Per ciascuna fornitura di modelli trasmessi, l'Agenzia delle entrate fornisce mensilmente al soggetto che ha prestato l'assistenza fiscale, a partire dalla fine del mese di luglio e fino al mese di dicembre, una ricevuta di riepilogo che contiene i dati già attestati con le ricevute e, in aggiunta, quelli eventuali relativi ai modelli che non sono stati messi a disposizione.

Navigazione

Soltanto i risultati contabili per i quali l'Agenzia delle entrate ha comunicato con la ricevuta di riepilogo l'impossibilità di renderli disponibili codice NO devono essere inviati da parte del Caf o del professionista utilizzando i canali tradizionali e-mail, fax, ecc.

Mancata messa a disposizione dei in caso di presentazione diretta della dichiarazione via web.

Poiché la dichiarazione risulta regolarmente presentata, se emerge un debito, il contribuente dovrà soltanto effettuare i pagamenti con il modello F Richiesta re-inoltro file Tutte queste spese, insieme a tante altre informazioni, sostenute nel corso dell'anno dai contribuenti a proprio nome o per conto del familiare a carico, sono comunicate all'Agenzia delle Entrate attraverso il "Sistema tessera sanitaria" entro il 31 gennaio dell'anno successivo.

I dati contenuti nel Sistema tessera sanitaria, sono pertanto disponibili per: medici, ospedali, strutture sanitarie convenzionate con il SSN e private, per trasmettere i dati relativi a prestazioni, farmaci o ticket pagati dai contribuenti; Agenzia delle Entrate per elaborare il precompilato contenente per la prima volta le spese mediche detraibili, con il totale di spesa per ciascun tipo di prestazione sanitaria e il relativo rimborso spettante; Contribuente: per verificare e consultare i suoi dati di spesa ed eventualmente manifestare l'opposizione all'utilizzo dei dati di tutte le spese mediche, di una sola parte o di un'unica spesa.

Quali dati spese mediche sono inseriti nel precompilato nel ?

I dati che le strutture mediche sanitarie private che pubbliche, farmacie, medici convenzionati al SSN e privati, sono obbligati a comunicare all'Agenzia delle Entrate, entro il 31 gennaio di ciascun anno, sono: Codice fiscale del contribuente o del familiare a carico cui si riferisce la spesa o il rimborso; Codice fiscale o partita Iva e denominazione di chi ha erogato la prestazione sanitaria; Data del documento di spesa ricevuta o fattura; Tipologia di spesa: se ticket, farmaci, acquisto o affitto di dispositivi medici, servizi sanitari erogati dalle farmacie, farmaci per uso veterinario, visite mediche generiche e specialistiche, prestazioni chirurgiche ricoveri ospedalieri, ecc; Importo della spesa o del rimborso; Data del rimborso.

Verifica spese mediche detraibili nel precompilato: come e da quando?

Modello 730, due vie per comunicare alle Entrate la «sede telematica»

Come si fa a verificare l'importo totale e quali sono le spese mediche detraibili nel precompilato? Il contribuente per controllare quali e quante sono le spese sanitarie inserite nella precompilata, per le quali spetta la detrazione o la deduzione fiscale, a suo nome o per conto del familiare a carico, deve accedere ai servizi telematici dell'Agenzia Fisconline o Entratel, se possiede il Pin Agenzia delle Entrate, ed entrare nell'apposita sezione precompilato Agenzia delle Entrate.

In caso di spese mediche e sanitarie sostenute per il familiare a carico di più contribuenti, tali oneri saranno inseriti nelle loro precompilate in proporzione alla percentuale di carico.

Dal 2 maggio invece è possibile iniziare a modificare integrare accettare il


Ultimi articoli