Blog di viaggio di Andrea. Spero che questo blog mi aiuti a viaggiare!

Blog di viaggio di Andrea. Spero che questo blog mi aiuti a viaggiare!

ELETTROSCOPIO SCARICA

Posted on Author Shaktiktilar Posted in Film


    Contents
  1. I raggi cosmici
  2. Elettroscopio di storia, come funziona, cosa serve
  3. Elettroscopio
  4. La scoperta e le prime misure

L`elettroscopio è affidabile in un ambiente secco; una eccessiva umidità lo scarica rapidamente o ne impedisce la carica. Esso è sensibile pure. Lo strumento può essere utilizzato per verificare che un corpo sia elettricamente carico. Possiamo elettrizzare per strofinio una bacchetta di plastica con un. Ricostruzione dell' elettroscopio di V. F. Hess ampio come superficie, l' elettroscopio non rimane carico, ma si scarica appena scostate la carica elettrostatica. L'elettroscopio è un apparecchio che permette di stabilire se un corpo è carico elettricamente. Crea un libro · Scarica come PDF · Versione stampabile.

Nome: elettroscopio
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Android. Windows XP/7/10. MacOS.
Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 35.72 MB

Un risultato migliore lo si ottiene dando con un piezoelettrico una piccola scossa al filo. Affinché l'esperimento riesca al meglio assicuratevi che le due lamelle abbiano una buona mobilità e una lunghezza che non superi i 4cm. L'elettroscopio si basa su una delle proprietà fondamentali dell'elettrostatica: corpi dotati di carica elettrica dello stesso segno si respingono, mentre quelli di segno diverso si attraggono. Toccando l'estremità del filo di rame con un oggetto carico, in questo caso la bacchetta, anch'esso si carica.

La carica si distribuisce lungo il filo e nelle due lamelle che si respingono, poiché entrambe cariche con la stessa polarità. Se poi il filo di rame viene toccato da un corpo neutro, ad esempio la nostra mano, vedremo le lamelle tornare nella posizione iniziale.

AP i Experiments. Osservatori Da terra Dallo spazio.

I raggi cosmici

Ricostruzione dell' elettroscopio di V. Principio di funzionamento Come già riportato, per molti anni gli scienziati si sono arrovellati sul fatto che un elettroscopio perde gradualmente la sua carica nonostante sia accuratamente isolato.

Trend R. Hess Rivelatore di muoni Victor Hess A. A Project A. Array A. Dimensioni originali: altezza Muon Monitor in real time. Il libro AstroParticelle Area riservata.

Accedi Registrati Entra. Invia oppure registrati Questo modulo serve solo come iscrizione alle newsletter, per accedere all' area riservata è necessario registrarsi. Durante l'esposizione la Curie chiese un elettroscopio per poter mostrare un effetto della radioattività.

L'imbarazzato preside di facoltà dovette allora ammettere la sola disponibilità di un vecchio strumento malandato. Di seguito qualche foto del grazioso elettrometro realizzato due giorni fa. In questo caso la carica è positiva perché è stata utilizzata una bacchetta di vetro per effetto triboelettrico, cioè per semplice strofinio. Attached Image: DSC Nella foto l'elettrometro a foglioline di alluminio con la becchetta di vetro che è servita a caricarlo. Io presi una lampadina e tagliato via la parte dell'innesto filettato con sega al diamante ho incollato un collo di bottiglia di plastica con tappo relativo non senza aver accuratamente lavato , sgrassato l'interno prima con acqua e sapone poi con alcool.

Il passaggio l'ho fatto con filo di rame argentato e colla a caldo che è molto isolante una volta raffreddata.

Hai letto questo?SCARICA IL CUD ON LINE

Per le foglioline interne ho usato la folgia d'oro che si usa nelle decorazioni. E' leggerissima e conduttiva. LA difficoltà è ritagliarla e si puo fare inserendola tra due fogli di carta e poi ritagliando con una normale forbice il sandwithc. La foglia è molto leggera e basta un soffio per piegarla irrimediabilmente.

Elettroscopio di storia, come funziona, cosa serve

Ho fatto un gancio sul filo d'argento e cosparso il gancio con vernice all'argento conduttiva. Quindi ho posato il gancio sulla foglia che ne è rimasta catturata quindi ho sollevato il tutto e la foglia si è ripiegata su se stessa L'elettroscopio si scarica per radioattività ma anche per umidità dell'ambiente. Ogni particella , anche pulviscolo puo venir attratta , caricata e poi respinta dal pomello dell'elettroscopio quindi trasporta via una parte di carica accumulata sul pomello funge da accumulatore e sulle foglioline interne.

Ogni punta nel circuito dovrebbe essere accuratamente evitata perchè è noto il potere disperdente delle punte verso gli elettroni.

Elettroscopio

Una sfera che per eccellenza è priva di punte è l'esatto opposto e tende ad accumulare le cariche. Madame Curie collegava all'elettroscopio un condensatore e poneva il materiale da misurare tra le lamine del condensatore.

In questo modo il materiale ionizzante provocava la ionizzazione dell'aria dielettrico e provocava la scarica del condensatore misurato poi sull'elettroscopio il cui piegare delle lamine era su scala graduata. Io ho fatto un esperimento simile costruendo all'esterno una sorta di spirale.

Poi ho caricato e quindi ho messo una sorgente alfa difronte. L'elettroscopio si scaricava effettivamente. Una buona sorgente di cariche elettrostatiche sono i vecchi tubi catodici in fase di accensione o anche di spegnimento Video.

Elettrometro originale e grazioso!

La scoperta e le prime misure

La limitazione delle punte per evitare la più rapida dispersione delle cariche è un ottimo consiglio, di grande importanza anche per chi si cimenta nella realizzazione delle affascinanti macchine Van de Graaff. Le particelle alfa attraversandola ionizzavano l'aria tra le due griglie fornendo ioni che andavano a scaricare la griglia carica verso quella di massa.

Basta poco per scaricare l'elettroscopio , soprattutto se le foglie sono di piccola superficie o senza alcuna sfera pomello sulla sommità. LE cariche si dispongono uniformemente su tutta la superfice sulle punte di piu Piu grossa è la superfice piu cariche ci stanno , piu lento è l'elettroscopio a scaricarsi.


Ultimi articoli